COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA

emc

L’obiettivo principale della legislazione sulla compatibilità elettromagnetica è quello di assicurare che apparecchiature che possono generare perturbazioni elettromagnetiche o il cui funzionamento può subire gli effetti di tali perturbazioni, rispondano ad un livello adeguato di compatibilità elettromagnetica. Questo significa:

-   assicurare che le perturbazioni elettromagnetiche prodotte dalle apparecchiature non pregiudichino il corretto funzionamento di altri apparecchi;

-   garantire che le apparecchiature abbiano un adeguato livello di immunità intrinseca alle perturbazioni elettromagnetiche per consentire loro di funzionare come previsto.

 

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO

Normative comunitarie

news -  DIRETTIVA 2014/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio 2014 concernente l'armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica (rifusione).

DIRETTIVA 2004/108/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 dicembre 2004 concernente il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica e che abroga la Direttiva 89/336/CEE.

DIRETTIVA 2001/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 dicembre 2001 relativa alla sicurezza generale dei prodotti.

Normative nazionali

D.Lgs. 6/11/2007 n. 194 - Attuazione della Direttiva 2004/108/CEconcernente il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica e che abroga la Direttiva 89/336/CEE.

ESCLUSIONI

Sono esclusedall’ambito di applicazione della legislazione sulla compatibilità elettromagnetica le seguenti categorie di prodotti:

-    le apparecchiature radio e i terminali di telecomunicazioni oggetto del D.Lgs. 269/2001, di recepimento della Direttiva 1999/5/CE;

-    prodotti aeronautici e loro parti e pertinenze di cui al Regolamento 1592/2002/CE, recante regole comuni nel settore dell'aviazione civile e che istituisce una Agenzia europea per la sicurezza aerea;

-    le apparecchiature radio utilizzate da radioamatori, secondo le disposizioni relative alle radiocomunicazioni adottate nel quadro della Costituzione e della Convenzione dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT), a meno che tali apparecchiature siano disponibili in commercio; a tale fine, i kit di componenti assemblati da radioamatori per proprio uso e le apparecchiature commerciali modificate per proprio uso da radioamatori non sono considerate apparecchiature disponibili in commercio;

-    gli apparecchi e gli impianti fissi, costruiti per usi militari.

DEFINIZIONI

Ai fini del D.Lgs. 6/11/2007 n. 194, s'intende per:

a) apparecchiatura: ogni apparecchio o impianto fisso;

b) apparecchio: ogni dispositivo finito o combinazione di dispositivi finiti, commercializzato come unità funzionale indipendente, destinato all'utente finale e che può generare perturbazioni elettromagnetiche o il cui funzionamento può subire gli effetti di tali perturbazioni, ivi compresi:

- i componenti o sottoinsiemi destinati ad essere integrati in un apparecchio dall'utente finale e che possono generare perturbazioni elettromagnetiche o il cui funzionamento può subire gli effetti di tali perturbazioni;

- gli impianti mobili definiti come una combinazione di apparecchi ed eventualmente altri dispositivi, destinata ad essere spostata e utilizzata in ubicazioni diverse;

c) impianto fisso: una combinazione particolare di apparecchi di vario tipo ed eventualmente di altri dispositivi, che sono assemblati, installati e destinati ad essere utilizzati in modo permanente in un luogo prestabilito.

La normativa della EMC è complementare alla disciplina della direttiva Bassa Tensione. Pertanto, i prodotti che costituiscono oggetto prevalente della vigilanza, in ragione dell’entità del rischio che essi pongono nonché dell’esistenza delle norme tecniche armonizzate, sono i seguenti:

APPARECCHI PER L’ILLUMINAZIONE

- Apparecchi fissi

- Apparecchi mobili

- Luminarie e catene luminose

PICCOLI ELETTRODOMESTICI

- Ferri da stiro

- Tostapane

- Mixer/robot da cucina/frullatori/sbattitori

- Bollitori elettrici elettromagnetica

- Stufe elettriche

ELETTROUTENSILI NON PROFESSIONALI

- Trapani e avvitatori non professionali

- Seghetti non professionali

APPARECCHIATURE PER ESTETICA

- Asciugacapelli

- Arricciacapelli e piastra per capelli

OBBLIGHI DEI FABBRICANTI

Solo le apparecchiature conformi ai requisiti di compatibilità elettromagnetica e alle norme vigenti possono circolare liberamente nel mercato unico comunitario.

MARCATURA CE

La marcatura CE prevista dall’art. 10 del D. Lgs. 194/2007 deve essere apposta dal fabbricante in modo visibile, facilmente leggibile e indelebile, sull’apparecchio o sulla targhetta identificativa, previa predisposizione del fascicolo tecnico di cui all’allegato IV del D. Lgs. 194/2007. Se le caratteristiche dell'apparecchio non lo consentono, la marcatura deve essere apposta sull'eventuale imballaggio e sui documenti d'accompagnamento.

Con l’apposizione della marcatura CE, il fabbricante dichiara la conformità dei prodotti immessi in commercio; non é richiesto dalla normativa l’intervento obbligatorio di Organismi Notificati prima dell’immissione in commercio dei prodotti.

La marcatura CE deve essere conforme al simbolo grafico di cui all’All. V del D. Lgs. 194/2007.

marchio ce

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ E DOCUMENTAZIONE TECNICA

La documentazione redatta dal fabbricante deve dare evidenza della conformità dei prodotti ed è costituita dalla dichiarazione di conformità e dalla documentazione tecnica.

Il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato o l’importatore hanno l’obbligo di conservare tali documenti per 10 anni a decorrere dalla data di fabbricazione o di installazione dell'ultima apparecchiatura del tipo in questione.

Per quanto riguarda la dichiarazione di conformità di cui all’All. IV, comma 2 del D.Lgs. 194/2007, deve contenere almeno le seguenti informazioni:

-       un riferimento specifico alla Direttiva 2004/108/CE;

-       l'identificazione dell'apparecchio cui si riferisce, ai sensi dell'Art. 11 comma 1 D.Lgs. 194/2007;

-       il nome e l'indirizzo del fabbricante e, se del caso, il nome e l'indirizzo del suo rappresentante autorizzato nella Comunità;

-       un riferimento datato alle specificazioni rispetto cui è dichiarata la conformità, per assicurare la conformità dell'apparecchio alle disposizioni della Direttiva 2004/108/CE;

-       la data della dichiarazione;

-       le generalità e la firma della persona autorizzata ad impegnare il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato.

In relazione alla documentazione tecnica, deve contenere le informazioni di cui all’All. IV, comma 1 del D.Lgs. 194/2007, e precisamente:

-       una descrizione generale dell'apparecchio;

-       documentazione attestante la conformità alle norme armonizzate eventualmente applicate, in tutto o in parte;

-       quando il fabbricante non ha applicato norme armonizzate o le ha applicate solo in parte, una descrizione e una spiegazione delle misure adottate per soddisfare i requisiti essenziali della Direttiva 2004/108/CE, con una descrizione della valutazione della compatibilità elettromagnetica di cui all'All. II, punto 1, i risultati dei calcoli progettuali effettuati, gli esami effettuati, i rapporti di prova, etc.;

-       una dichiarazione dell'Organismo Notificato, se è stata seguita la procedura di cui all'All. III.

Norme armonizzate.

Si riportano alcune delle principali norme armonizzate che, se applicate volontariamente dal fabbricante, garantiscono presunzione di conformità alle apparecchiature soggette a requisiti di compatibilità elettromagnetica:

EN 55014-1 - Compatibilità elettromagnetica — Prescrizioni per gli elettrodomestici, gli utensili elettrici e gli apparecchi similari — Parte 1: Emissione

EN 55014-2 - Compatibilità elettromagnetica - Requisiti di immunità per gli elettrodomestici, gli utensili elettrici e gli apparecchi similari — Parte 1: Immunità

EN 55015 - Limiti e metodi di misura delle caratteristiche di radiodisturbo degli apparecchi di illuminazione elettrici e degli apparecchi analoghi.

EN 55022 - Apparecchi per la tecnologia dell'informazione — Caratteristiche di radiodisturbo — Limiti e metodi di misura.

EN 55024 - Apparecchiature per la tecnologia dell'informazione — Caratteristiche di immunità — Limiti e metodi di misura.

EN 61547 - Apparecchiature per illuminazione generale. Prescrizioni di immunità EMC.

LA VIGILANZA

L’attività di vigilanza è svolta dalle autorità competenti, tra cui le Camere di Commercio, su produttori, importatori e distributori attraverso controlli casuali e senza preavviso e ha lo scopo di:

-   verificare la conformità delle apparecchiature soggette a requisiti di compatibilità elettromagnetica immesse sul mercato italiano;

-   intervenire nel caso di apparecchiature non conformi.

I controlli possono essere:

- visivi/formali;

- documentali;

- fisici (prelievo e analisi di campioni).

VIOLAZIONI E SANZIONI

Le sanzioni applicabili sono quelle previste dalla normativa specifica di settore. Solo per gli aspetti non coperti dalle normative di settore vengono applicate le sanzioni previste dall’art. 112 D.Lgs. 6/9/2005 n. 206.

Questa pagina è stata utile?
Questa pagina è stata utile?

Elenco siti tematici
Coordinate bancarie e postali CCIAA di Livorno
Camera di Commercio Livorno
Vetrina Toscana
Area riservata ai membri del Consiglio e della Giunta
  • La fatturazione elettronica verso la pubblica amministrazione
  • Stampa e Comunicazione
  • I video della CCIAA
  • URP
  • Modulistica
  • Privacy
  • Note legali
  • Amministrazione trasparente
  • Progetto legalita
  • Comitato Unico di Garanzia
  • Riapertura termini per assegnazione seggio alle organizzazioni sindacali dei lavoratori
  • Ciao Impresa
  • www.centrostudilivorno.it
  • Comitato Imprenditoria Femminile
  • Il portale degli agriturismi
  • Crea una rete # sviluppa la tua impresa
  • Piattaforma telematica di informazione e consulenza basic sullo start up aziendale Registrati per accedere a tutti i servizi on-line
  • Pratiche on line per Artigiani e Piccole Imprese
  • www.registroimprese.it
  • www.registroimprese.it
  • PEC
  • posta elettronica certificata
  • Gestirete e Archivierete
  • Universitas Mercatorum
  • Verifiche PA